Il governo Fakhfakh che fa pagare la crisi da Covid-19 ai lavoratori e alle masse popolari ne raccoglierà presto i frutti

L’inizio della cosiddetta crisi da Covid-19, in Tunisia è coincisa con la fine dell’impasse istituzionale per formare il nuovo governo (dopo circa 4 mesi di consultazioni). Le contraddizioni interne alla borghesia burocratica tunisina hanno partorito un governo ancor più eterogeneo di quello precedente, ciò è naturale data l’alta frammentazione della composizione politica a seguito delle ultime elezioni parlamentari. Oggi al giano bifronte rappresentato da islam politico/laicismo autoritario, al potere dal 2015 ma recentemente indebolito dal risultato delle ultime elezioni, si è innestata anche la sinistra riformista socialdemocratica.

La natura politica dell’attuale governo tunisino

95212869_3260745620605349_7826805305357893632_n

Queste due tendenze principali precedentemente avevano dei propri rappresentanti parlamentari monolitici, adesso invece sono frammentate: anche se Ennahdha è formalmente l’unica forza dell’islam politico al governo, all’opposizione vi è una new entry che proviene dallo stesso solco, il partito Karama con cui vi è spesso unità d’intesa.

Stesso discorso per quanto riguarda le forze laiciste-conservatrici (spesso definite in Occidente “laiche”) che hanno subito un maggior ridimensionamento (Tahya Tounes, Nidaa Tounes, L’alternativa Tunisina e Machrou Tounes insieme contano 24 deputati), i nostalgici dell’ex dittatore Ben Ali del PDL contano meno di 20 deputati, infine i partiti della sinistra riformista e dai “nazionalisti” nasseriani sono rappresentati dalla Corrente Democratica e dal Movimento del Popolo (insieme nel gruppo parlamentare Blocco Democratico diventato il secondo gruppo parlamentare dopo Ennahdha).

Le contraddizioni interne alla borghesia tunisina espresse da tali partiti e la mediazione rappresentata dall’azione del presidente della Repubblica Kais Saied, ha rimescolato le carte all’interno di queste 3 grandi tendenze politiche del paese.

Kais Saied infatti pur essendo un presidente “senza partito”, dopo il primo tentativo fallito di formazione del governo da parte di Ennahdha (che gli spettava di diritto), ha agito con abilità seguendo i propri principi ostili ai rappresentanti dell’ancien regime e sfruttando le proprie prerogative istituzionali.

Ha quindi negato la possibilità di provare a formare il governo al secondo partito in parlamento, Qalb Tounes (creatura del magnate delle telecomunicazioni e mafioso Nabil Karoui) e ha invece affidato l’incarico all’attuale primo ministro Elyes Fakhfakh esponente del partito socialdemocratico ed extraparlamentare Ettakatol  (Forum Democratico per il Lavoro e le Libertà) ponendolo come ago della bilancia di queste contraddizioni interne e dando vita alla “creatura Fakhfakh”.

Un governo di unità nazionale con una maggioranza di portafogli ministeriali conferiti a “tecnici” ed i restanti affidati nell’ordine ad esponenti di Ennahdha, Movimento del Popolo, Corrente Democratica, Tahya Tounes, Nidaa Tounes e Alternativa Tunisina. Un governo supportato da quasi tutto l’arco parlamentare tranne da tre partiti (Karama, Qalb Tounes e PDL).

Un governo dalla natura antinazionale continuando a rappresentare gli interessi della borghesia burocratica e compradora tunisina nelle sue varie fazioni legate all’imperialismo occidentale (Francia, Italia, Usa) e aperta alle potenze reazionarie in Medio Oriente (l’asse Turchia/Qatar, ma anche Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita).

È questo governo che dal primo giorno del suo insediamento a fine febbraio si è misurato con la pandemia confermando ancora una volta come i governi precedenti la tendenza ha perseguire la via dell’indebitamento estero (e quindi della dipendenza straniera) accettando prestiti dall’Italia, cosiddetti aiuti da UE (850 milioni di €), USA (600 mila $), nonché dalla Cina, un nuovo prestito dal FMI (545,2 milioni di €), dalla Banca Islamica per lo Sviluppo (279 milioni di $), dalla Banca Africana per lo Sviluppo. In particolare questo nuovo prestito del FMI presenta gli stessi vincoli dei precedenti che impongono una deregulation dell’economia nazionale con liberalizzazioni, tagli alla spesa pubblica indebolimento del welfare state già al limite in un paese come la Tunisia.

Quindi nessuna illusione su questo governo, chi, tra gli intellettuali e attivisti della sinistra riformista, pensa che “il governo Fakhfakh non puo’ permettersi di sbagliare” e si esprime in questi termini, rivela la propria confusione ideologico-politica.

Chi sta pagando la crisi in Tunisia?

La Tunisia ha un debito pubblico che supera il 75% del proprio PIL, questa è una diretta conseguenza del circolo vizioso del debito estero che lega sempre più il paese ad una condizione neocoloniale presente fin dal 1956 (anno dell’indipendenza formale). Il tasso di disoccupazione medio ufficiale è del 15% con punte del 35% tra i giovani (che rappresentano una buona fetta della popolazione) e il tasso di povertà è del 30%. Inoltre più del 50% del PIL è costituito dall’economia sommersa che permette la sopravvivenza di centinaia di migliaia di persone ufficialmente disoccupate.

Tale dipendenza economica dall’imperialismo perseguita dai governanti è la causa di questo quadro economico/sociale che si aggrava sempre più con l’attacco quotidiano alle già precarie condizioni di vita delle masse popolari. Questo contesto si è aggravato con l’affacciarsi della crisi da Covid-19 nel mese di marzo.

Ciò è stato chiaro dalle misure di politica economica varate ad hoc nel bimestre marzo-aprile (riportiamo in parte da un nostro precedente articolo):

dei 2.500 milioni di dinari tunisini (800 milioni di €), stanziati dal governo, solo 450 milioni di dt sono destinati ai lavoratori e ai poveri mentre tutto il resto è a beneficio dei padroni a cui sono accordati sussidi, sgravi fiscali e agevolazioni bancarie e finanziarie. Inoltre le decine e decine di migliaia di lavoratori che lavorano in nero non beneficeranno di tali incentivi e molti di loro sono stati già messi alla porta dalle aziende per cui lavorano a cui è stata imposta la chiusura in seguito all’ultimo decreto anticoronavirus. Ma due provvedimenti a favore delle aziende meritano di essere approfonditi:

La sospensione delle procedure per “crimini fiscali”: un altro grande regalo che il regime tunisino post-rivolta fa ai grandi uomini d’affari collusi con l’ex regime di Ben Ali, recentemente riabilitati con una sorta di “riappacificazione nazionale” promossa dall’ex presidente defunto Essebsi e duramente contestata da un movimento sorto ad hoc Manich Msemah (io non perdono n.d.a.).

Un ulteriore regalo è invece rivolto alle aziende totalmente esportatrici, spesso straniere, che godendo già di enormi benefici (non pagamento imposte per i primi 10 anni, contributi fino al 50% dal governo sul salario dei lavoratori, possibilità di importare macchinari senza pagare la dogana, possibilità di esportare il 100% dei profitti ecc.) si troveranno in una posizione altamente concorrenziale rispetto ai produttori nazionali producenti gli stessi beni.

Non sono mancati inoltre gli speculatori, subito attivi nel frodare sui prezzi dei beni di prima necessità (farina, semola, aglio, uova e latte) che il governo ha detto di voler contrastare, a cui si sono aggiunti episodi di corruzione istituzionale che hanno investito in pieno il governo stesso…

il caso più eclatante riguarda il ministro dell’industria Ben Youssef che scavalcando la legge ha ordinato presso un deputato parlamentare e industriale una comanda di decine di migliaia di mascherine per conto del governo. Il primo ministro Fakhfkh durante la sua conferenza stampa del 19 aprile ha minimizzato l’accaduto prendendo le difese del ministro.

A tutto ciò si aggiunge che alla fine di aprile il governo ha proceduto a misure volte a colpire i lavoratori del settore pubblico (che rappresentano una buona fetta del lavoro emerso evidentemente) attaccando il loro potere d’acquisto procedendo a prelievi coatti dagli stipendi per sostenere la crisi, annunciando il non pagamento di straordinari già svolti e così via.

Il 28 aprile Faycel Derbel, ex consigliere economico del governo, ha suggerito di “alleggerire la massa salariale della funzione pubblica” precisando che ciò però non significa “ridurre i salari dei funzionari”, ma evidentemente significa nuovi licenziamenti, perfettamente in linea con quanto predica da qualche anno il FMI ai dirigenti del paese.

La classe politica dominante e i propri lacchè stanno quindi utilizzando il Covid-19 per ritornare sulla via maestra del programma delle riforme strutturali che era stato ostacolato l’anno scorso proprio da due grandi scioperi generali della funzione pubblica (con adesioni a oltre il 90%) che reclamavano l’opposto: difesa dei posti di lavoro e i diritti economici della “massa salariale”. Ciò aveva creato non poche frizioni tra il precedente governo ed il FMI, dato che il primo era stato costretto proprio dallo sciopero a rinegoziare alcune condizioni con l’agenzia finanziaria imperialista come la concessione di scatti alla carriera e aumenti salariali.

Qual è la risposta delle masse popolari tunisine?

Davanti a tale gestione della crisi è in corso una resistenza spontanea eterogenea e a macchia di leopardo:

le proteste più radicali si sono verificate nella regione ribelle di Kasserine, con veri e propri espropri proletari spontanei ai camion di farina e semola verificatisi anche a Meknassi (regione di Sidi Bouzid) a cui si sono aggiunte manifestazioni davanti i palazzi del potere per reclamare il ripristino della fornitura di questi beni di prima necessità. A Kasserine un parlamentare originario della regione e proprietario di un mulino e magazzini che già da anni specula su questi beni è stato incriminato.

Ettadhamen
Blocchi stradali nel quartiere popolare di Ettadhamen – Tunisi

Nei sobborghi proletari della capitale invece (Mnhilla e Ettadhamen) centinaia di persone, dopo l’annuncio del governo del conferimento dei sussidi, non trovandoli agli sportelli bancari, hanno fatto blocchi stradali scontrandosi con la polizia. Mentre scriviamo, a un mese di distanza, altri blocchi stradali sono in corso nella regione di Susa per lo stesso motivo, non essendo ancora stata erogata la seconda tranche del sussidio. Simili manifestazioni si sono verificate anche nella regione agricola di Siliana.

BN17433djerba0914
Proteste a Djerba di cittadini bloccati da settimane

Nell’isola di Djerba la situazione è tesa da almeno 15 giorni, infatti dopo essere stata dichiarata zona focolaio, gli accessi all’isola sono stati chiusi (interrotti traghetti e chiuso l’antico ponte romano) circa 3.000 lavoratori provenienti da altre regioni si sono ritrovati ivi bloccati, senza lavoro con la chiusura di tutte le attività. Dopo settimane di promesse il governo ha infine incominciato l’evacuazione graduale verso luoghi di quarantena per poi permettere a ognuno il ritorno a casa, ma ciò è avvenuto solo dopo che per diverse volte si sono verificati scontri con la polizia quando le persone esasperate hanno provato a sfondare i cordoni di sicurezza e ad attraversare il ponte romano per raggiungere la terraferma.

IMGBN63907libye
Sfondamento della frontiera libico-tunisina presso Ras Jadir da parte di centinaia di tunisini bloccati da settimane

Una situazione analoga ha interessato centinaia di tunisini rimasti bloccati al confine in Libia. Dopo giorni di attesa estenuante, con la compiacenza dell’autorità frontaliere libiche (milizie berbere fedeli a Serraji che hanno ben altre preoccupazioni con l’arrivo dalle milizie di Haftar a soli 15 Km…), hanno sfondato il confine rientrando nel proprio paese senza trovare resistenza neanche dalle autorità di frontiera tunisine.

I medici e gli infermieri, tirati in ballo sempre più strumentalmente dai governanti di tutti i paesi, a metà marzo presso l’ospedale di Sfax hanno contestato duramente il ministro della salute recatosi in visita. Un ministro ampiamente criticato da più parti per la sua evidente incompetenza nel gestire la crisi sanitaria e accusato di essere impegnato principalmente in tour propagandistici.

unnamed-1-scaled-e1586288978202
aprile 2020 – incontro tra il rappresentante di Huawei per il Nord Africa e il ministro dell’Insegnamento Superiore presso la sede del Ministero

I sindacati degli studenti e dei professori universitari hanno invece boicottato la proposta del ministero dell’insegnamento superiore per un insegnamento a distanza che avrebbe discriminato gran parte degli studenti, date le condizioni del paese, e denunciato come tale proposta sia la foglia di fico per favorire compagnie telefoniche private o produttori stranieri come Huawei.

Nonostante la crescente impopolarità dei ministri citati, Fakhfakh ha perseguito come primo obiettivo quello della sopravvivenza del proprio governo non volendone turbare i fragili equilibri interni, in tal senso ha ceduto alle avances di Ennahdha che dopo un debutto al governo di secondo piano adesso punta i piedi, essendo il partito di maggioranza anche all’interno del governo: nel mezzo di tante polemiche Fakhfakh ha nominato pochi giorni fa due consiglieri politici ulteriori per la presidenza del consiglio dei ministri provenienti proprio dal partito islamista.

Continuando a seguire di pari passo le tempistiche del governo italiano, anche la Tunisia cedendo alle pressioni dell’organizzazione patronale UTICA, riaprirà disordinatamente molte attività incurante delle ricadute sanitarie negative in contrasto con il parere di medici e virologi.

In questo contesto l’opposizione parlamentare, esclusi i reazionari, è praticamente inesistente. I partiti della sinistra revisionista, Fronte Popolare e Partito dei Lavoratori, al di fuori del parlamento sono praticamente inattivi lasciando la propria base militante, composta principalmente da giovani, senza indicazioni politiche e allo sbando (o per meglio dire “a casa”).

Attualmente il sindacato unico UGTT è l’unica forza sociale strutturata che potenzialmente può fare da argine a tali politiche considerando però che da decenni è una forza interna al paradigma di potere con un fine strategico tendente più alla conciliazione che alla rottura col potere stesso, ciò è stato chiaro durante la grande rivolta dei minatori di Gafsa nel 2008 e nella stessa rivolta popolare del 2010/2011. Nella fase attuale si è limitato solo a formali prese di posizione rispettando il divieto di sciopero (tra l’altro formalmente in vigore dal 2015 con l’istaurazione dello “stato di emergenza” recentemente prolungato fino a giugno).

92615397_2862449257165310_6562221029081481216_n
Network di Iniziativa di S

Una parte delle forze rivoluzionarie ha però trovato una forma organizzativa ad hoc, riuscendo anche a coinvolgere una parte dei militanti di base dei partiti revisionisti, dando vita ad una sorta di organizzazione di fronte chiamata Network di Iniziativa di Solidarietà Popolare. Quest’organizzazione ha iniziato una campagna nazionale in cui allo stesso tempo sostiene materialmente i settori popolari più colpiti dalla crisi, informa sulle condizioni sanitarie e denuncia le politiche governative. La “sinistra” di questa organizzazione, composta da comunisti maoisti attivi nel network, la considerano alla stregua di un’attività di Fronte Unito adatta alla situazione concreta ed oggettivamente ne dirigono l’attività, altri compagni della stessa area invece non vi partecipano e criticano tale esperienza considerandola come una forma di “propaganda borghese caritatevole”.

Ciò che è certo è la necessità di cogliere appieno la sfida lanciata dalla controparte e intensificare la lotta per la costruzione del Partito Comunista adatto alle condizioni attuali e del paese al servizio della lotta di classe che si sviluppa attualmente e per la Rivoluzione di Nuova Democrazia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...