Proteste sociali in Medio Oriente: quinto giorno in Iraq con oltre 70 morti. Manifestazioni anche in Libano, Siria e Giordania

Uno

Una settimana dopo le proteste anti-regime in Egitto, si allarga al Medio Oriente la parola d’ordine “Vogliamo la caduta del regime” e in particolare in Iraq.
Infatti da ormai 5 giorni le principali città arabofone del paese (Baghdad, Nassirya e Bassora principalmente) sono interessate da forti e violente manifestazioni antigovernative con attacchi alle caserme di polizia e barricate. Il popolo iraqeno protesta contro l’alto tasso di disoccupazione, il caro-vita e il deterioramento progressivo dei servizi sociali e della qualità della vita in generale.
Il regime ha innanzitutto risposto con la repressione, ad oggi il quinto giorno di protesta si contano oltre 100 morti, migliaia di feriti, 500 arresti di cui 200 ancora non rilasciati. Secondariamente il primo ministro, , giovedi ha gettato fumo negli occhi dicendosi “d’accordo con le richieste dei manifestanti ma che il governo non puo’ fare magie” (sic!) cio’ che è certo è che il governo svende il paese e le sue risorse all’imperialismo, in particolare a quello americano che è pesantemente presente nel paese sia in termini militari che in termini economici. L’opposizione parlamentare e sciita dal canto suo sta tentando di cavalcare la tigre della rivolta popolare spontanea chiedendo nuove elezioni con la speranza di ritornare al potere per poi svolgere lo stesso ruolo di rappresentante della borghesia compradora e burocratica al servizio dell’imperialismo come l’attuale governo.

status_of_the_second_arab_spring__as_of_oct_03__by_hurricanehunter03_ddhhs92-fullview

La situazione in tutta la regione MENA (Medio Oriente e Nord Africa n.d.a.) è esplosiva come mostra la cartina tematica qui su largamente condivisibile nella “fotografia” della situazione attuale.

In Algeria e Sudan sono in corso rivolte dall’inizio dell’anno che hanno fatto cadere i rispettivi governi e avviato un processo di transizione tanto confuso quanto incerto, lo prova il fatto che ieri in Algeria ha avuto luogo la 33esima manifestazione settimanale consecutiva e anche in Sudan le forze popolari continuano a respingere le “soluzioni” di normalizzazione provenienti dai palazzi del potere.

Proteste antigovernative sono in corso anche in Egitto, Iraq, Libano, Giordania e Siria. Per quanto riguarda l’Egitto rimandiamo al nostro recente post

Anche se nei restanti tre paesi mediorentali le proteste non hanno raggiunto ancora l’ampiezza di quelle iraqene o egiziane, le masse popolari sono sull’orlo di esplodere per le stesse ragioni agitate dai fratelli iraqeni, inoltre in Siria seppur avanzi un’incerta “pacificazione” (con molte virgolette anche perchè il paese rimane al centro di differenti interessi imperialisti nonchè della Turchia) pesano 8 anni di guerra che ha avuto conseguenze indirette non a caso negli altri paesi in cui si stanno sviluppando queste proteste sociali. Questa settimana in Libano professori e studenti in sciopero si sono scontrati con la polizia( vedi video )e ancora oggi vi sono manifestazioni anti-governative.

In Marocco è sempre all’ordine del giorno la questione dei prigionieri politici e la questione della nazionalità sahrawi oppressa di cui il Marocco occupa il territorio confinante a sud, inoltre il fuoco della regione del Rif cova sotto le ceneri.

Anche in Tunisia, seppur apparentemente avanza la “stabilità” voluta dalle classi dominanti e dall’imperialismo per mezzo della cosiddetta “transizione democratica” le elezioni politich attualmente in corso si stanno svolgendo nel pieno disinteresse popolare con oltre il 50% dell’astensione. Discreto interesse sta suscitando l’elezione del nuovo presidente con un candidato corrotto e mafioso agli arresti e il probabile futuro presidente che rifiuta attualmente l’appoggio di qualunque partito e che ingloba nel suo programma elementi della “sinistra sociale” (intervento dello Stato nell’economia, tassazione progressiva)ma anche elementi conservatori legati all’identità arabo/islamica (mantenimento di un certo “decoro/moralità” nella sfera pubblica in chiave anti LGBT ma anche limitante verso le donne, rifiuto della parità nel diritto di successione tra uomo e donna).
In questo contesto una volta terminata la farsa elettorale e chiarito chi si farà carico di portare avanti gli interessi stranieri nel paese, anche qui il nuovo governo potrebbe affrontare nuove proteste sociali dovute alla crisi ma anche a fattori esogeni come l’imposizione da parte dell’imperialismo che il piccolo paese nord africano diventi un enorme hotspot per i migranti rifiutati dall’Europa (in particolare Francia e Italia avanzano continuamente questa proposta).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...