La FTDES denuncia i rimpatri irregolari effettuati dal governo italiano

Il governo criminale Gentiloni mentre paga i signori della guerra libici per imprigionare migliaia di migranti in campi di concentramento, sul versante tunisino firma accordi simili e contemporaneamente rimpatria in spregio delle convenzioni internazionali, migranti tunisini.

117878596

vignetta tratta da”www.debatunisie.com”

Intanto lo scorso 25 Ottobre a Bir Ali Ben Khalifa (Sfax) è stata indetta una “giornata della collera” a cui hanno partecipato migliaia di persona per protestare contro lo speronamento da parte della marina tunisina di una barca di migranti in cui sono morti decine di giovani (il bilancio si  è aggravato a 30 recentemente di cui 12 da questa regione). Contemporaneamente è stato osservato uno sciopero generale comprendente anche le attività commerciali.

Sfax : ''Une journée de colère et de deuil'' à Bir Ali Ben Khelifa (video)

 

Rigiriamo un dispaccio Ansa in cui si riporta la giusta denuncia della FTDES.

Migranti: Ong tunisina denuncia rimpatri forzati da Italia

Violano diritto circolazione previsto da norme internazionali

(ANSAmed) – TUNISI, 23 OTT – L’Ong Forum tunisino per i diritti economico e sociali (Ftdes) ha denunciato in un comunicato “le operazioni di rimpatrio forzato collettivo non giustificate, contrarie ai diritti umani” e ricordato che “il diritto di circolazione è garantito dalle Convenzioni internazionali nei confronti di tutti”. Queste operazioni di rimpatrio, secondo il Ftdes, sono contrarie all’art. 33 della Convenzione di Ginevra relativa allo status di rifugiati del 1951 e del suo protocollo addizionale del 1967 che precisa una serie di misure da adottare prima di poter procedere ai rimpatri.

In questo ambito, il Ftdes chiede la revisione delle convenzioni bilaterali con il governo italiano che non rispetta – secondo l’Ong tunisina, le convenzioni internazionali.

Il Ftdes denuncia inoltre le condizioni di accoglienza dei migranti irregolari tunisini come non degne e non in regola con il rispetto dei diritti umani.

Nel comunicato vengono inoltre messe sotto accusa le politiche migratorie dell’Unione europea, che prediligono un approccio sicuritario alla gestione delle migrazioni, con la creazione di una “fortezza Europa” che appunto non rispetta le convenzioni internazionali. “L’Ue, invece di reagire in modo umano ai flussi migratori, incoraggiando le operazioni di salvataggio in mare e garantendo la sicurezza di queste persone, preferisce chiudere le proprie frontiere tramite le procedure di espulsione dei migranti irregolari”, si legge nel comunicato.

Secondo il Ftdes, che segue con grande inquietudine la questione dei rimpatri forzati collettivi nei confronti dei tunisini, anche la visione della cooperazione con i paesi del Sud è ingiusta, e mira alla chiusura delle frontiere ed alla esternalizzazione della gestione delle frontiere.

Il Ftdes aggiunge di essere in coordinamento con partner della società civile italiana per fornire un’assistenza legale e ai migranti rinchiusi nei centri di accoglienza in Italia.

(ANSAmed)

http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/rubriche/politica/2017/10/23/migranti-ong-tunisina-denuncia-rimpatri-forzati-da-italia_752f26c7-3c8a-4829-b295-dee7047e13e7.html

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: